Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Tu sei qui: Home / Istruzioni / Generalità sui moduli da compilare

Generalità sui moduli da compilare

Elementi consueti e particolarità dei moduli da compilare

I tradizionali moduli concepiti per essere compilati a mano e presentati in forma cartacea sono sostituiti da formulari il più possibile semplici ed intuitivi costruiti con lo spirito di facilitare l'utente nella ricerca delle informazioni e nell'accesso ai servizi di cui ha bisogno.

Sono utilizzabili con i più diffusi "browser" (ossia gli applicativi utilizzati per "navigare" in internet) senza necessità di installare alcuna componente aggiuntiva.

browser.jpeg

Per la composizione dei formulari è stata scelta una grafica essenziale adatta a funzionare anche su dispositivi mobili come "tablet" e "smartphone".

La struttura dei moduli o formulari si compone di elementi ormai entrati nelle consuetudini di quella parte della popolazione, in continua crescita, che utilizza internet per accedere all'amministrazione del proprio conto corrente bancario o postale, acquistare un biglietto ferroviario o aereo, prenotare soggiorni di vacanza o di lavoro in alberghi bed&breakfast o agriturismi, rispondere a sondaggi di quotidiani online, partecipare a un "social network".

Gli elementi utilizzati, descritti nel paragrafo seguente Panoramica sulla struttura dei moduli e sugli elementi che li compongono sono quelli standard: campi da compilare, ove possibile predisposti con funzioni di autocompletamento ("autosuggest") e di autocompilazione ove i dati fossero già stati forniti dall'utente in istanze presentate in precedenza, bottoni da cliccare per indicare scelte alternative tra loro, quadratini da spuntare ("fleggare") per indicare scelte multiple, confermare un consenso, attivare sezioni specifiche, menù a tendina che presentano elenchi da cui scegliere l'opzione di interesse specifico, e così via.

Tuttavia, quasi tutti i moduli sono arricchiti da una particolare sezione predisposta per il posizionamento in mappa degli interventi oggetto delle istanze. Anche questa è stata concepita utilizzando componenti il più possibile intuitivi e diffusi, sicuramente noti agli utenti di servizi geografici come GoogleMaps e GoogleEarth, SteetView, Bing, OpenStreetMap, etc.


Sebbene un po' più impegnativo delle rimanenti sezioni dei modelli, l'utilizzo di questa sezione (obbligatorio ove presente), oltre a costituire un potente ausilio alla ricerca ed alla trasmissione delle informazioni necessarie all'esame delle istanze consente all'utente di risparmiare l'onere di produzione dei consueti estratti cartografici, quali quelli della cartografia di base o catastale.

Si raccomanda, pertanto, la lettura delle istruzioni specifiche illustrate nei sette paragrafi sulla sezione geografica dei moduli